Novità nella prescrizione dei NAO in pazienti FANV. Quali conseguenze?

Almeno 500.000 pazienti italiani oggi senza trattamento potrebbero in futuro iniziare una terapia grazie alla recente revisione di AIFA delle indicazioni per la rimborsabilità di questi farmaci.

Leggi tutto...

Che rebus il rinnovo del piano terapeutico!

Una nostra lettrice ci segnala il suo faticoso percorso per ottenere informazioni utili per il rinnovo del piano, tra specialisti non autorizzati e medici di base che non conoscono a fondo l’iter necessario e che non riescono a indirizzare i pazienti nei Centri dedicati.

Leggi tutto...

I dati del Registro Europeo EORP-AF

Un gruppo di ricercatori italiani ha seguito per un anno oltre 11.000 pazienti con fibrillazione atriale, focalizzandosi sulla relazione tra l’uso di terapia anticoagulante o antipiastrinica e l’incidenza di complicazioni emorragiche o trombotiche. Lo studio conferma ed estende i dati circa i vantaggi della terapia anticoagulante, particolarmente nelle categorie ad alto rischio tromboembolico e mostra come la persistenza in terapia possa essere particolarmente elevata nei pazienti che comunque vengono tenuti in osservazione attraverso uno studio registro.

Leggi tutto...

Terapia ininterrotta con edoxaban in fibrillanti candidati all’ablazione: risultati ed implicazioni dello studio ELIMINATE-AF

L’ablazione trans-catetere si sta ormai imponendo come una strategia efficace e sicura per il ripristino durevole del ritmo sinusale in soggetti con fibrillazione atriale. Dato il rischio di insulti ischemici cerebrali, persistenti o transitori, connesso con tale procedura, l’ablazione trans-catetere non può essere eseguita in assenza di una adeguata terapia antitrombotica. La strategia più comunemente raccomandata prevede l’infusione in pompa di eparina non frazionata ad alte dosi terapeutiche...

Leggi tutto...

La somministrazione di più farmaci può nascondere insidie, soprattutto nei pazienti anziani. Ecco alcuni suggerimenti molto pratici da parte di un geriatria per ridurre i rischi.

L’agenzia europea del farmaco (EMA) a fine febbraio ha convalidato la richiesta di immissione in commercio delle compresse di acido bempedoico e dell’associazione a dose fissa di acido bempedoico/ezetimibe per la riduzione del colesterolo LDL, quello conosciuto anche come “cattivo”.

INFORMAZIONE GRATUITA

CENTRI TROMBOSI

Cerca il centro Trombosi più vicino a te consultando il nostro elenco.

Vedi...

ASSOCIAZIONI PAZIENTI

Cerca l’Associazione Pazienti più vicina a te consultando il nostro elenco.

Vedi...

 
 
VIDEO NEWS
 
 
INFORMAZIONE PUBBLICITARIA

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Link alla Normativa