Uno studio condotto a livello locale ha dimostrato che il loro utilizzo riduce di circa 3 volte l’incidenza degli eventi ischemici cerebrali senza modifiche significative degli eventi emorragici. Tuttavia, i loro risultati non sono accettati da tutti i Centri specializzati e il loro costo resta a carico del cittadino.

L’agenzia europea del farmaco (EMA) a fine febbraio ha convalidato la richiesta di immissione in commercio delle compresse di acido bempedoico e dell’associazione a dose fissa di acido bempedoico/ezetimibe per la riduzione del colesterolo LDL, quello conosciuto anche come “cattivo”.

È definito “il mago delle staminali” perché ha messo a punto (e eseguito) la tecnica che ha permesso di salvare il piccolo Alex, il bimbo di 18 mesi affetto da una grave patologia genetica che ha potuto ricevere cellule staminali dal padre, anche se non perfettamente compatibile.


Sei in terapia con un anticoagulante orale diretto (NAO)? Sai come si rinnova il piano terapeutico? Partecipa al sondaggio.

Incentivare il dialogo tra professionisti e migliorare la gestione dei pazienti anticoagulati sono gli obiettivi del documento presentato al Convegno di Bologna di anticoagulazione.it. La sfida, adesso, è trasformarlo in uno strumento che possa raggiungere il maggior numero di medici possibile.

Gualtiero Palareti, presidente di Fondazione Arianna Anticoagulazione, sintetizza alcuni punti della due giorni bolognese, che ha visto coinvolti esperti di diverse specialità.

INFORMAZIONE PUBBLICITARIA

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Link alla Normativa