Condividi su:

Secondo uno studio pubblicato su NEJM che ha coinvolto 2003 pazienti in terapia intensiva, la pratica non ha mostrato benefici tali da giustificare i costi aggiuntivi e il rischio di lesioni.

La compressione pneumatica può fornire un piccolo beneficio, ma probabilmente non è sufficiente a compensare i costi aggiuntivi e il rischio di lesioni. Un nuovo studio pubblicato su NEJM1 non ha mostrato benefici nell’aggiunta di compressione pneumatica intermittente agli anticoagulanti nella prevenzione della trombosi venosa profonda degli arti inferiori (TVP).

I pazienti ammessi alle unità di terapia intensiva (ICU) sono ad alto rischio di sviluppare coaguli nelle estremità inferiori. La trombosi venosa profonda è una causa comune di morbilità e mortalità per i pazienti critici, nonostante gli sforzi per prevenirlo attraverso l’uso di anticoagulanti, come eparina non frazionata ed eparina a basso peso molecolare. Nello studio PREVENT1, 2003 pazienti in terapia intensiva per patologia medica, chirurgica o trauma sono stati randomizzati a ricevere o compressione pneumatica intermittente per almeno 18 ore al giorno o compressione pneumatica intermittente solo durante l’interruzione della tromboprofilassi farmacologica. Entrambi i gruppi hanno ricevuto l’anticoagulante profilattico durante lo studio.
La TVP prossimale degli arti inferiori si è verificata nel 3,9% di quelli sottoposti a compressione pneumatica, contro il 4,2% dei controlli (rischio relativo [RR] 0,93, 95% intervallo di confidenza [CI] 0.60 a 1,44; P = 0,74).

La PE si è verificata nello 0,8% (8 su 991) dei pazienti nel gruppo di compressione pneumatica e nell’1,0% (10 su 1012) dei pazienti nel gruppo di controllo (RR 0,82, IC 95% da 0,32 a 2,06). Il tromboembolismo venoso – incluso il PE o qualsiasi TVP dell’arto inferiore – si è verificato nel 10,4% e nel 9,4% dei pazienti, rispettivamente (RR 1,11, IC 95% da 0,85 a 1,44). La morte per qualsiasi causa a 90 giorni si è verificata nel 26,1% dei pazienti con compressione e nel 26,7% dei controlli, rispettivamente (RR 0,98, IC 95% 0,84-1,13). Gli investigatori hanno anche riportato che le lesioni cutanee agli arti inferiori o ischemie “non sono state significativamente diverse” tra i 2 gruppi e non sono stati segnalati eventi avversi gravi.

Da questo studio emerge che la compressione pneumatica aggiuntiva non aggiunge protezione e non è necessaria. Sebbene questo tipo di trattamento sia non invasivo, i dispositivi di compressione pneumatica non sono privi di rischi e possono potenzialmente portare a lesioni da pressione; inoltre può portare ad un uso significativo delle risorse.
Un editoriale che accompagna la pubblicazione2 commenta i risultati rimarcando quale possa essere il ruolo dei risultati di questo studio “sull’uso della tromboprofilassi meccanica da sola nei pazienti ricoverati in terapia intensiva che hanno una controindicazione all’eparina”. In uno studio randomizzato che ha usato la sola tromboprofilassi pneumatica per 6 giorni in pazienti ad alto rischio di sanguinamento, non ha fornito alcun beneficio. Al contrario, nello studio clinico CLOTS (Clots in Legs or sTockings after Stroke) in pazienti con ictus acuto la TVP prossimale era significativamente più bassa tra quelli che avevano ricevuto la compressione pneumatica.

I risultati dello studio PREVENT, tuttavia, contribuiranno a limitare il sovra-trattamento dei pazienti critici.


Bibliografia

    1. Arabi YM, Al-Hameed F, Burns KEA, Mehta S, Alsolamy SJ, Alshahrani MS, et al. Adjunctive Intermittent Pneumatic Compression for Venous Thromboprophylaxis. N Engl J Med. 2019;380:1305-15.
    2. Lauzier F, Douketis JD, Cook DJ. A Device on Trial – Intermittent Pneumatic Compression in Critical Care. N Engl J Med. 2019;380:1367-8.