ULTIME NOTIZIE

Embolia polmonare: quali accertamenti eseguire al follow up?

Quando si tratta di rivalutare una paziente con embolia polmonare dopo i primi 3-6 mesi di terapia anticoagulante, molti clinici richiedono una angio tomografia computerizzata (TC) di controllo. È razionale? Il dott. Raffaele Pesavento, che ha dedicato una buona parte della sua intensa attività di ricercatore a questa domanda (e alla relativa risposta), ha discusso le implicazioni pratiche dei più recenti studi clinici durante l’8° Convegno di Fondazione Arianna Anticoagulazione e Anticoagulazione.it.

LEGGI L'ARTICOLO...

PREMIUM

Embolia polmonare: cosa fare dopo i primi sei mesi di terapia?

Quali esami effettuare dopo i primi 3 o 6 mesi di terapia in chi ha avuto un episodio di embolia polmonare? È utile l’angio TC di controllo? Chi è candidato a proseguire la terapia anticoagulante? In chi sospettare lo sviluppo di ipertensione polmonare cronica post embolica e come procedere? Se ne è discusso durante la seconda parte della tavola rotonda condotta dalla prof.ssa Cecilia Becattini all 8° Convegno di Fondazione Arianna Anticoagulazione.

LEGGI L'ARTICOLO...

Anticoagulanti anti-fattore XI: a che punto siamo?

Un problema aperto con l’ utilizzo dei farmaci anticoagulanti rimane il rischio emorragico. Per tale ragione sono in corso di sperimentazione nuove molecole che hanno tra gli obiettivi quello di ridurre questo rischio mantenendo la protezione nei confronti degli episodi trombotici. All’8° convegno di Fondazione Arianna Anticoagulazione il prof. Domenico Prisco ha illustrato gli studi clinici già disponibili e quelli attesi. 

LEGGI L'ARTICOLO...

Caricamento
INFORMAZIONE GRATUITA
INFORMAZIONE GRATUITA
INFORMAZIONE SCIENTIFICA
INFORMAZIONE GRATUITA
INFORMAZIONE PUBBLICITARIA
spaziot
INFORMAZIONE PUBBLICITARIA

CON IL CONTRIBUTO DI

sanofi

Questo si chiuderà in 0 secondi