PREMIUM

La sindrome dello stretto toracico superiore: diagnosi e terapia

La sindrome dello stretto toracico superiore è poco conosciuta ma non per questo poco frequente, arrivando ad interessare fino all’8% della popolazione generale con manifestazioni che sono prevalentemente neurologiche (90-95% dei casi) ma che possono interessare anche il circolo arterioso (1-2% dei casi) o venoso (3-5% dei casi). Un esempio ne è la classica trombosi venosa profonda dell’arto superiore nella giovane pallavolista. Quali sono le cause, come si tratta e come si prevengono le complicanze di questa sindrome?

LEGGI L'ARTICOLO...

PREMIUM

Riservato ai PROFESSIONISTI

Trombosi venose distali isolate: chi trattare, come e per quanto tempo? Tavola rotonda

La corretta gestione delle trombosi venose distali isolate (quelle che interessano le vene al di sotto del ginocchio senza coinvolgere la vena poplitea) rimane oggetto di intenso dibattito. Se fino ad alcuni anni fa se ne riteneva addirittura superfluo il riconoscimento diagnostico, recenti studi osservazionali hanno documentato come attualmente, non solo vengano estesamente trattate, ma oltre il 70% dei pazienti riceva una durata della terapia ben più lunga di quanto raccomandato dalle linee guida. Ma cosa dicono le linee guida? Qual è la storia naturale della patologia? Come identificare e gestire i pazienti a basso rischio? Chi può necessitare di un trattamento più prolungato?

LEGGI L'ARTICOLO...

PREMIUM

Lo studio MAS: complicanze emorragiche e trombotiche associate al livello dei DOAC in pazienti con fibrillazione atriale

Presentati all’8° Convegno di Fondazione Arianna Anticoagulazione e anticoagulazione.it i risultati dello studio MAS (Measure and See Study) relativi all’associazione tra complicanze trombotiche ed emorragiche e livelli misurati di DOACs all’inizio della terapia in pazienti con fibrillazione atriale.

LEGGI L'ARTICOLO...

Caricamento
INFORMAZIONE GRATUITA
RSS CLOT+ RSS Feed
Si ringrazia la McMaster University
per la gentile concessione