Lo scopo dello studio1 condotto a livello europeo, è stato analizzare il grado di conoscenza dei pazienti affetti da fibrillazione atriale (FA) rispetto ai trattamenti anticoagulanti relativamente al genere, all'età, al livello di istruzione ed al paese di residenza.

Un totale di 1147 pazienti in terapia anticoagulante orale con farmaci antivitamina K (AVK) e farmaci anticoagulanti orali (NAO), di età media 66 +/- 13 anni, 45% di sesso femminile, sono stati coinvolti nello studio in 8 paesi europei (Danimarca, Germania, Francia, Norvegia, Spagna, Svezia, Regno Unito, Italia).
L'indagine ha evidenziato che la maggior parte dei pazienti ha compreso che lo scopo della terapia anticoagulante sia quello di "rendere il sangue più fluido" ma l'8.1% è invece convito che il trattamento sia indicato per il controllo dell'aritmia. Tra i pazienti in terapia con AVK, la scolarità più elevata si associa ad una qualità terapeutica migliore. La consapevolezza dei rischi di sanguinamento legati al trattamento sia nei pazienti in AVK sia nei pazienti in terapia con NAO è minore in quelli con bassa scolarizzazione. Il 56.5% dei pazienti con una laurea e solo il 20.5% di quelli con minor scolarità sono a conoscenza della disponibilità di nuovi farmaci anticoagulanti orali.
Il risultato di questo lavoro mostra come le differenze d'istruzione possano riflettersi anche sulla qualità dei trattamenti. Inoltre evidenzia la possibilità di un ampio margine di miglioramento rispetto agli aspetti educazionali con interventi mirati sui singoli pazienti allo scopo di aumentare globalmente la qualità sanitaria relativa all'anticoagulazione. Emerge, inoltre, la necessità di rinforzare gli aspetti educazionali in particolare nei pazienti in terapia con i NAO.

Bibliografia

  1. Hernández Madrid A, Potpara TS, Dagres N, Chen J, Larsen TB, Estner H, Todd D, Bongiorni MG, Sciaraffia E, Proclemer A, Cheggour S, Amara W, Blomstrom-LundqvistC. Differences in attitude, education, and knowledge about oral anticoagulation therapy among patients with atrial fibrillation in Europe: result of a self-assessment patient survey conducted by the European Heart Rhythm Association. Europace. 2016 Mar; 18(3):463-7.

Oriana Paoletti

Dirigente Medico presso il Centro Emostasi e Trombosi - Laboratorio Analisi Chimico Cliniche e Microbiologiche degli "Istituti Ospitalieri" di Cremona

Hai una domanda da porre all'autore dell'articolo?

clicca questo box (la tua domanda sarà letta e risposta privatamente dall'autore senza essere pubblicata sul sito)

Vuoi pubblicare un commento in questa pagina?

il tuo commento sarà pubblicato dopo approvazione del CdR





Codice di sicurezza
Aggiorna

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Link alla Normativa