È stato recentemente pubblicato su Circulation, la prestigiosa rivista della American Heart Association, un interessante articolo che documenta una volta di più i benefici effetti degli omega-3, acidi grassi derivati dall’olio di pesce e usati da molti anni, sia come integratori alimentari, sia come farmaci per prevenire le malattie cardiovascolari.

Nello studio due gruppi di pazienti, che avevano avuto un precedente infarto del miocardio, sono stati trattati con omega-3 o con placebo, rispettivamente. Gli sperimentatori hanno poi valutato prospetticamente alcuni importanti parametri di funzione cardiaca. Lo studio è stato condotto in doppio cieco: né i pazienti né gli sperimentatori, che valutavano i risultati, conoscevano quali pazienti prendevano gli omega-3 o il placebo; inoltre l’assegnazione ai due gruppi di trattamento (omega-3 o placebo) era stabilita in maniera casuale mediante liste generate dal computer. Questo disegno sperimentale, ampiamente usato nei migliori studi clinici degli ultimi anni, permette di minimizzare eventuali variabili confondenti, che possano inficiare i risultati dello studio.
I risultati hanno dimostrato che i pazienti che assumevano omega-3 (n=180) avevano, a seguito del trattamento, un significativo miglioramento, rispetto al gruppo che prendeva il placebo (n=178), di alcuni parametri cardiologici, quali la riduzione del volume sistolico ventricolare sinistro (-5.8%, p<0.017) ed un significativo miglioramento della struttura del tessuto miocardico, valutata come quantità di tessuto miocardico fibrotico.
Inoltre, i pazienti che avevano assunto omega-3, presentavano un significativo miglioramento dei marcatori di infiammazione sistemica. A fronte di questi vantaggi non sono stati registrati effetti collaterali del trattamento.
Gli autori concludono che il trattamento con omega-3 per 6 mesi dopo un infarto del miocardio, alla dose di 4g die, è associato a un significativo recupero della funzionalità cardiaca rispetto a quella ottenuta con i trattamenti standard.

Bibliografia
Heydari B et al. Effect of Omega-3 Acid Ethyl Esters on Left Ventricular Remodeling After Acute Myocardial Infarction: The OMEGA-REMODEL Randomized Clinical Trial. Circulation 2016:134:278-391

Armando Tripodi

Professore Ordinario di Biochimica Clinica e Biologia Molecolare Clinica presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università degli Studi di Milano

Hai una domanda da porre all'autore dell'articolo?

clicca questo box (la tua domanda sarà letta e risposta privatamente dall'autore senza essere pubblicata sul sito)

Vuoi pubblicare un commento in questa pagina?

il tuo commento sarà pubblicato dopo approvazione del CdR





Codice di sicurezza
Aggiorna

INFORMAZIONE PUBBLICITARIA

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Link alla Normativa