Grazie a un trattamento anti-piastrinico, e in particolare all’infusione nei topi di anticorpi anti-GpIb, alcuni ricercatori hanno osservato trombi con meno fibrosi e un minor ispessimento delle pareti vascolari. Potrebbe trattarsi di una soluzione promettente per prevenire la sindrome post trombotica.

La sindrome post-trombotica (PTS) rappresenta una grave complicanza della trombosi venosa profonda quando questa colpisce gli arti inferiori, la cui prevenzione e terapia rappresenta un argomento ancora non completamente definito (si veda, a questo proposito, l’articolo del prof. Paolo Prandoni). La PTS colpisce più frequentemente le donne, le persone sovrappeso, anziane e con pre-esistenti problemi di insufficienza venosa1. È peraltro possibile che altri determinanti possano influenzare lo sviluppo di sindrome post-trombotica, quali l’uso preferenziale di anticoagulanti diretti o l’esercizio fisico 2,3.

IN BREVE...
La sindrome post-trombotica (PTS) è una grave complicanza della trombosi venosa profonda quando questa colpisce gli arti inferiori, perché la sua prevenzione e terapia non sono ancora completamente definite (si veda, a questo proposito, l’articolo del prof. Paolo Prandoni). La PTS colpisce più frequentemente le donne, le persone sovrappeso, anziane e con pre-esistenti problemi di insufficienza venosa.
Un recente esperimento condotto sui topi potrebbe fornire qualche indicazione in più sulla prevenzione della PTS. Lo studio ha dato risultati promettenti per un possibile trattamento farmacologico antipiastrinico precoce nei primi giorni dopo lo sviluppo di trombosi venosa agli arti inferiori. La difficoltà, adesso, è capire se e come questo trattamento possa essere sperimentato negli esseri umani, visto che è dimostrato aumenti il rischio emorragico.


Una recente pubblicazione scientifica potrebbe peraltro aprire strade nuove nella prevenzione dello sviluppo della sindrome post-trombotica4,5. In questo studio, gli autori hanno utilizzato un modello murino di trombosi che prevedeva la legatura parziale della vena cava inferiore per studiare le varie tappe della maturazione del trombo e del rimodellamento della parete vascolare.

Contemporaneamente i ricercatori inducevano in alcuni topi uno stato di piastrinopenia mediante l’infusione di anticorpi anti-GpIb (una proteina espressa nella superficie piastrinica in grado di mediare l’interazione tra il fattore di von Willebrand e la matrice subendoteliale, ma anche un epitopo target nella piastrinopenia idiopatica autoimmune). I topi che erano sottoposti a questo intervento, e pertanto con un numero inferiore di piastrine e meno reattive, presentavano dei trombi con minore invasione da parte di cellule muscolari lisce e fibroblasti e minore ispessimento della parete vascolare. I trombi dei topi trattati inoltre avevano meno fibrosi di quelli non trattati; è possibile che la causa di tali variazioni della natura qualitativa del trombo sia mediata dal mancato rilascio di una serie di citochine presenti all’interno delle piastrine, quali TGF-β, bFGF, o PDGF.
Lo studio offre dunque una possibile strada per ridurre lo sviluppo di PTS con un trattamento farmacologico antipiastrinico precoce nei primi giorni dopo lo sviluppo di trombosi venosa agli arti inferiori. Peraltro, come questo possa essere attuato nell’essere umano e non nell’animale da esperimento resta un problema di non semplice soluzione, essendo l’uso di inibitori del complesso GpIb/VWF gravato da un rischio emorragico negli studi preclinici6.
Ciò nonostante, ci sembra che l’identificazione di un possibile target (sia pure ancora molecolarmente non ben definito) di terapia farmacologica possa essere una strada promettente per ridurre l’incidenza di PTS, specialmente nelle categorie precedentemente identificate come a maggior rischio.


Bibliografia
  1. Tick LW, Kramer MHH, Rosendaal FR, Faber WR, Doggen CJM (2008) Risk factors for post-thrombotic syndrome in patients with a first deep venous thrombosis. Journal of Thrombosis and Haemostasis 6 (12):2075-2081. doi:10.1111/j.1538-7836.2008.03180.x
  2. Li R, Yuan M, Cheng J, Yu S, Wei W, Fu W, Prandoni P, Chen Y (2020) Risk of post-thrombotic syndrome after deep vein thrombosis treated with rivaroxaban versus vitamin-K antagonists: A systematic review and meta-analysis. Thromb Res 196:340-348. doi:10.1016/j.thromres.2020.09.014
  3. Hasan R, Hanna M, Zhang S, Malone K, Tong E, Salas N, Sarode R, Journeycake J, Zia A (2020) Physical activity in children at risk of postthrombotic sequelae: a pilot randomized controlled trial. Blood Advances 4 (15):3767-3775. doi:10.1182/bloodadvances.2020002096
  4. DeRoo E, Martinod K, Cherpokova D, Fuchs T, Cifuni S, Chu L, Staudinger C, Wagner DD (2021) The role of platelets in thrombus fibrosis and vessel wall remodeling after venous thrombosis. J Thromb Haemost 19 (2):387-399. doi:10.1111/jth.15134
  5. Salles‐Crawley II (2021) Targeting platelets to improve post‐thrombotic syndrome? Journal of Thrombosis and Haemostasis 19 (2):355-357. doi:10.1111/jth.15173
  6. Gresele P (2013) Antiplatelet agents in clinical practice and their haemorrhagic risk. Blood transfusion 11 (3):349-356. doi:10.2450/2013.0248-12.

Alberto Tosetto

Dirigente medico, Divisione di Ematologia, Ospedale S. Bortolo, Vicenza

Hai una domanda da porre all'autore dell'articolo?

clicca questo box (la tua domanda sarà letta e risposta privatamente dall'autore senza essere pubblicata sul sito)

Vuoi pubblicare un commento in questa pagina?

il tuo commento sarà pubblicato dopo approvazione del CdR





Codice di sicurezza
Aggiorna

INFORMAZIONE PUBBLICITARIA
INFORMAZIONE PUBBLICITARIA

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Link alla Normativa