Questa possibilità emerge da uno studio condotto su 138 pazienti di Wuhan, Cina e suggerisce l'utilizzo di alcuni farmaci, accanto al trattamento anticoagulativo, per limitare l'infiammazione delle citochine.

L'epidemia di COVID-19 potrebbe incentivare lo switch (dove possibile) da AVK a DOAC, in modo da ridurre gli accessi ai Centri specializzati.

Al 5° Convegno di Anticoagulazione.it si è affrontato l’argomento, visto che il rischio di tromboembolismo venoso aumenta con l’età e, a 40 anni, risulta almeno 10 volte superiore rispetto a 20 anni. Gli esperti hanno discusso di prevenzione e di come comunicare con le pazienti.

Gli anticoagulanti orali diretti si sono dimostrati più efficaci e sicuri, ma hanno determinato un aumento delle emorragie e possono interferire con alcuni farmaci antitumorali. La questione è ancora aperta e durante il 5° Convegno di Anticoagulazione.it si sono discusse le alternative a disposizione.

Un nuovo studio non chiarisce i dubbi lasciati aperti da altri lavori: in una popolazione ad alto rischio per sindrome post-trombotica, l’uso di misure aggiuntive al trattamento anticoagulante standard porta al più un modesto vantaggio, a fronte del rischio di complicanze maggiori e a un impegno clinico e per il paziente importante.

I dati di un recente studio confermano che nei pazienti in trattamento con anticoagulanti diretti il controllo clinico e l’aggiustamento terapeutico secondo gli schemi proposti in funzione del filtrato renale rappresenta un criterio di sicurezza irrinunciabile per il paziente.

INFORMAZIONE PUBBLICITARIA
INFORMAZIONE PUBBLICITARIA

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Link alla Normativa