Questa classe di farmaci è caratterizzata da una grande variabilità della dose efficace ad ottenere l’effetto anticoagulante tra i diversi individui, con differenze tra soggetto e soggetto anche di oltre 10 volte.. 

Questo richiede nelle fasi iniziali controlli molto attenti e ravvicinati del PT-INR, un test di laboratorio che si utilizza per misurare l’effetto anticoagulante ottenuto. In aggiunta la risposta anticoagulante può variare nel tempo anche nello stesso individuo, soprattutto in caso di malattie intercorrenti o di uso di farmaci interferenti. E’ perciò necessario un controllo periodico dei valori di PT-INR per adeguare la dose terapeutica dell’anticoagulante. Tali controlli devono essere ravvicinati nelle fasi iniziali del trattamento, in caso di variazioni della terapia o di ricoveri in ospedale. Quando invece si è ottenuta una risposta anticoagulante stabile, i controlli possono essere effettuati ogni 3-5 settimane.

Daniela Poli

Centro Trombosi - SOD Malattie Aterotrombotiche - AOU Careggi Firenze

Hai una domanda da porre all'autore dell'articolo?

clicca questo box (la tua domanda sarà letta e risposta privatamente dall'autore senza essere pubblicata sul sito)

Vuoi pubblicare un commento in questa pagina?

il tuo commento sarà pubblicato dopo approvazione del CdR





Codice di sicurezza
Aggiorna

INFORMAZIONE PUBBLICITARIA
INFORMAZIONE PUBBLICITARIA

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Link alla Normativa