Nell’arcipelago circa l‘1% della popolazione è in terapia anticoagulante (soprattutto AVK). Nei policlinici sono usati i point-of-care per la misurazione dell’INR, in modo da poter aggiustare in tempo reale la posologia.


L’arcipelago maltese, situato nel mezzo del Mediterraneo, si compone di tre isole: Malta, Gozo e Comino. Ha una popolazione di 417.432 abitanti, secondo dati raccolti nell’ultimo censimento del 20111. Si stima che almeno l’1% della popolazione sia in terapia anticoagulante2, cioè più di 4.000 persone.

Gli antagonisti della vitamina K (warfarin) rappresentano la principale terapia anticoagulante orale. Sono gratuiti per i pazienti con fibrillazione atriale e per i portatori di protesi valvolari cardiache, mentre a carico dei pazienti per il tromboembolismo venoso (TEV), eccetto per il TEV paraneoplastico.

Il monitoraggio della terapia dicumarolica viene effettuato presso ambulatori dedicati presenti nell’ospedale principale (Mater Dei Hospital, a Malta) o nei diversi policlinici sparsi sulle isole maltesi (Malta e Gozo). Mentre per i pazienti afferenti a Mater Dei Hospital l’INR è monitorato in modo convenzionale (prelievo venoso, misurazione in laboratorio, conseguente aggiustamento posologico in tarda mattinata), per i pazienti afferenti ai policlinici vi è la possibilità di controllo dell’INR tramite “point-of-care”, con immediatezza del risultato e dell’aggiustamento posologico. Il monitoraggio dell’INR è gratuito per tutti i pazienti. Circa il 50% dei pazienti in terapia dicumarolica afferisce a Mater Dei Hospital ed il restante ai policlinici.

I nuovi anticoagulanti orali (NAO) sono gratuiti quando usati per la profilassi del TEV dopo chirurgia ortopedica, mentre per tutte le altre indicazioni sono a carico dei pazienti.
Inizialmente poco usati, sono recentemente in incremento sia nei pazienti con fibrillazione atriale, ma soprattutto nei pazienti con TEV. Infatti, poiché l’eparina a basso peso molecolare (enoxaparina) viene somministrata principalmente in regime ospedaliero fino al raggiungimento dell’INR in range terapeutico, i NAO hanno consentito la gestione domiciliare della trombosi venosa profonda in fase acuta.

a cura di Silvia Riva e Alex Gatt, Associate Professor & Head of Department, Dept. of Pathology, Faculty of Medicine and Surgery, University of Malta 



Bibliografia

  1. National Statistics Office, Malta. Census of population and housing 2011: Final report. 31 January 2014. Available from: https://nso.gov.mt/en/publicatons/Publications_by_Unit/Documents/01_Methodology_and_Research/Census2011_FinalReport.pdf [Accessed 16 December 2018].
  2. Zammit G, Farrugia R, Barbara C, Azzopardi L, Inglott AS, Adami MZ, et al. Anticoagulation services in Malta - an economic study comparing a central laboratory model vs. a point-of-care approach. Int J Lab Hematol. 2011;33(3):e7-8.

Nicoletta Riva

PhD student c/o Department of Pathology, Faculty of Medicine and Surgery, University of Malta. Research Fellow c/o Centro di Ricerca sulle Malattie Tromboemboliche e le Terapie Antitrombotiche, Università dell'Insubria, Varese

Hai una domanda da porre all'autore dell'articolo?

clicca questo box (la tua domanda sarà letta e risposta privatamente dall'autore senza essere pubblicata sul sito)

Vuoi pubblicare un commento in questa pagina?

il tuo commento sarà pubblicato dopo approvazione del CdR





Codice di sicurezza
Aggiorna

INFORMAZIONE PUBBLICITARIA

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Link alla Normativa