Oriana Paoletti del Centro Emostasi e Trombosi ASST Cremona durante il convegno bolognese ha risposto alla domanda “Sono un’anziana di 78 anni, da qualche anno in cura con Coumadin. Purtroppo il mio INR spesso varia in misura importante, nonostante io faccia una vita e una dieta molto controllata. Quali le ragioni? Cosa posso fare?

Il racconto di un paziente giovane e sportivo cui è stata diagnosticata una trombosi venosa profonda che ha sperimentato sulla sua pelle la “libertà” che permettono gli anticoagulanti orali diretti rispetto agli AVK. L’unico rammarico? Non incontrare più frequentemente gli altri pazienti in sala d’attesa per il prelievo.

Nicoletta Erba, ematologa di Lecco, racconta la sua esperienza di 5 mesi al Salam Center di Khartoum. Un centro Emergency di eccellenza, in cui però non mancano i problemi, legati soprattutto ai trasporti e alla difficoltà a comunicare tra le diverse aree del Paese africano. FCSA è stata coinvolta per migliorare la gestione informatica e formare il personale locale.

Che cosa succede quando un medico si trova ad essere anche un paziente? Riceviamo e pubblichiamo la testimonianza di una nostra lettrice che sottolinea come la medicina non sempre possa fornire risposte certe e immediate a casi personali che possono essere molto complessi.

Con maggio iniziamo a sentire il profumo delle vacanze, che smettono di essere un pensiero lontano e iniziano a diventare sempre più concrete ma mano che si avvicinano.

Fra infermieri e pazienti non sempre c'è il tempo per scambiarsi informazioni perché in ospedale e negli ambulatori manca il tempo.

INFORMAZIONE PUBBLICITARIA

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Link alla Normativa