I dati nazionali dell’Istituto Superiore di Sanità riportato un’incidenza esponenziale di nuovi casi positivi da COVID-19, comportando nuovamente i sistemi e servizi socio-sanitari nazionali a fronteggiare sfide e difficoltà rilevanti per la gestione della popolazione cronica.

Uno studio ha dimostrato che dai batteri presenti sulla lingua si potrebbe capire chi ha problemi al cuore, in particolare chi soffre di insufficienza cardiaca cronica.

Il racconto di un’infermiera che ha supportato la sezione fiorentina dell’AIPA durante l’emergenza da coronavirus. Fondamentale non perdere il contatto con i pazienti che devono eseguire prelievi domiciliari.

Pubblichiamo la testimonianza di Davide, un under 30 di Treviso da qualche anno in terapia con un anticoagulante orale diretto. L’anticoagulante non gli ha impedito di riprendere una delle sue grandi passioni, l’arrampicata. Oggi continua a praticarla, con qualche piccola accortezza in più.

Che cosa succede quando un astronauta ha una trombosi in orbita? È successo qualche tempo fa sulla Stazione spaziale internazionale, ma la notizia è stata diffusa da poco grazie a un articolo pubblicato sul New England Journal of Medicine.

Stefano Zummo è un quarantenne in terapia anticoagulante dopo un intervento di sostituzione della valvola aortica. Pur abitando a Livorno, per la gestione della terapia fa riferimento al Centro di Careggi, dove ha sperimentato l’utilizzo del coagulometro portatile. Nella sua zona, invece, deve effettuare periodicamente un prelievo venoso.

INFORMAZIONE PUBBLICITARIA
INFORMAZIONE PUBBLICITARIA

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Link alla Normativa