Se pensate che i vari contapassi e gli orologi che misurano le funzioni vitali siano il futuro, sappiate che sono già il passato. La nuova frontiera del monitoraggio corporeo passa per dispositivi indossabili molto diversi e sempre più piccoli.

È iniziata la nostra progressiva trasformazione in cyborg, esseri a metà strada tra umani e robot? È probabile, ma se vi rassicura il passaggio richiederà ancora del tempo.
Nel frattempo, però, eccovi una carrellata dei dispositivi più interessanti che sono allo studio per migliorare la nostra quotidianità sfruttando bluetooth e connessioni wireless.

La maglietta che monitora il cuore
Qualche anno fa il Politecnico di Milano, in collaborazione con alcune start up, aveva lanciato una maglietta che permetteva ai medici di monitorare costantemente il cuore dei pazienti. L'indumento era in grado addirittura di trasmettere un'elettrocardiogramma, oltre ai valori cardiaci e respiratori. E la ciliegina sulla torta era che…. Come ogni maglietta si poteva tranquillamente lavare senza che i sensori subissero alcun danno. Nel 2013 fu lanciato in alcuni ospedali un progetto pilota teso a verificare l'applicabilità della tecnologia e valutare la riduzione della spesa sanitaria per gli esami e i ricoveri ospedalieri. È stato invece approvato ed è in commercio sul mercato italiano un giubbotto che permette di misurare le aritmie. Il dispositivo, dotato di oltre 250 sensori, è rivolto agli specialisti che, facendolo indossare al paziente, possono avere una riproduzione 3D del cuore a partire da un solo battito. Attualmente, lo stesso risultato si ottiene con una procedura invasiva che prevede l'inserimento di un sondino direttamente nel cuore. Finché è indossato dal paziente, invece, il giubbotto, sviluppato da Medtronic, permette un monitoraggio costante e in tempo reale di cosa sta succedendo all'interno del nostro organo, oltre alla possibilità di svolgere elettrocardiogrammi e TAC.

Il tatuaggio italiano per i parametri vitali
Avete mai applicato sulla pelle dei vostri figli quei tatuaggi temporanei che si trasferiscono con una spugnetta bagnata? Ebbene, a breve questo gesto potrebbe essere molto più di un gioco.
L'Istituto Italiano di Tecnologia, l'Università degli Studi di Milano e la Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa hanno infatti messo a punto un tatuaggio trasferibile in grado di monitorare i parametri vitali e effettuare, per esempio, un elettrocardiogramma o un elettroencefalogramma. In questo momento la tecnologia e in fase di perfezionamento, ma presto i tatuaggi trasferibili potrebbero sostituire gli elettrodi.

E ancora… sensori su pancia e denti
Se dovete sottoporvi periodicamente a una gastroscopia, sapete quanto fastidioso e invasivo possa essere questo esame. Accettando di diventare un po' più cyborg, a breve potreste dire addio all'odioso tubo. Un gruppo di ricercatori californiani sta infatti lavorando a alcuni sensori applicabili sulla pancia e in grado di monitorare l'intero ciclo digestivo. E i più esigenti potranno abbinarlo a un altro dispositivo indossabile: il chip da applicare sui denti. Si tratta anche in questo caso di un piccolo sensore di 4 millimetri quadrati in grado di controllare tutto quello che ingeriamo e inviare le informazioni direttamente allo smartphone. Ci stanno lavorando un team di ingegneri nel Massachusetts, che non escludono che possa anche migliorarvi il sorriso.

Michela Perrone

Redazione anticoagulazione.it

Hai una domanda da porre all'autore dell'articolo?

clicca questo box (la tua domanda sarà letta e risposta privatamente dall'autore senza essere pubblicata sul sito)

Vuoi pubblicare un commento in questa pagina?

il tuo commento sarà pubblicato dopo approvazione del CdR





Codice di sicurezza
Aggiorna

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Link alla Normativa