Le morti dei pazienti di Piombino sono una brutta pagina della storia recente, speriamo che questa sproni gli amministratori a cambiare le cose


Secondo quanto riportato dai giornali dei giorni scorsi ci è voluto del tempo e anche numerose morti, prima di capire quale fosse la causa, e cioè che si trattava della presenza di eparina in concentrazioni molto alte nel sangue e senza indicazioni terapeutiche. La diagnosi di presenza di eparina in un campione di sangue non è difficile, basta sapere quali test di laboratorio fare e come interpretarli; proprio questo grave limite dell’attività sanitaria deve essere sottolineato: sono evidenti in questo caso gravi problemi circa la conoscenza e pratica clinica e di laboratorio dell’anticoagulante eparina, la sua diagnosi, l’uso dell’antidoto, ecc.
Negli ultimi anni, molti amministratori della Sanità pubblica, Direttori generali di aziende territoriali e ospedaliere hanno fatto di tutto per chiudere Laboratori Specialistici di Coagulazione, chiudere Centri Emostasi e Trombosi, chiudere Centri per il Controllo delle Terapie Anticoagulanti, ostacolare ed emarginare i singoli professionisti che si erano dedicati a questa materia. Mascherata da necessità di risparmio è invece passata una “ristrutturazione” basata sulla non-conoscenza – si dovrebbe letteralmente parlare di ignoranza - di quanto siano rilevanti la coagulazione e le sue alterazioni in tutti i settori delle medicina clinica, quanto siano necessari esperti clinici e di laboratorio in questa materia, quanto siano importanti Centri di Riferimento per garantire l’efficacia e la sicurezza delle terapie anticoagulanti e antitrombotiche, terapie che sono assunte giornalmente da parecchie centinaia di migliaia di cittadini.
Molto spesso le conoscenze e l’esperienza specifica di professionisti esperti in un campo di così largo impatto clinico non sono state considerate come valori e ricchezza da coltivare, ma solo un peso e un costo e le loro attività, ammesso che gli amministratori le ritenessero necessarie, semplicemente eseguibili da altri.
Vorremmo sperare in un reale cambiamento di rotta da parte dei responsabili organizzativi della Sanità. Non è possibile pensare e agire come se tutti i medici di famiglia fossero esperti in terapie anticoagulanti e che basti semplicemente pagarli un po' di più per questo lavoro; che tutti i cardiologi e gli internisti, i chirurghi e gli anestesisti, gli ortopedici e gli oculisti, ecc. sappiano cosa fare per prevenire e trattare tutti i problemi di coagulazione e trombosi. Devono smettere di dare per scontato che in tutti i laboratori centralizzati, oggi vere e proprie industrie e catene di produzione, ci siano le necessarie competenze sui molteplici e complessi test coagulativi e sulla loro interpretazione. Certamente alcuni di questi professionisti e alcuni laboratori sono competenti in questa materia; ma non tutti, e non per “diritto” di categoria.
Vogliamo quindi sperare che finalmente si capisca l’importanza di costruire negli ospedali e sul territorio una rete ben disegnata, ben funzionante e identificata ufficialmente di Centri e di personale esperto, che affronti e sia punto di riferimento per problemi specialistici in tema di coagulazione e trombosi, e di uso dei farmaci anticoagulanti e antitrombotici.

Gualtiero Palareti

Presidente AIPA-Bologna (Associazione Italiana Pazienti Anticoagulati). Presidente Fondazione Arianna Anticoagulazione

Hai una domanda da porre all'autore dell'articolo?

clicca questo box (la tua domanda sarà letta e risposta privatamente dall'autore senza essere pubblicata sul sito)

PHOTO CREDITS: Flickr | Adrian Clark

Vuoi pubblicare un commento in questa pagina?

il tuo commento sarà pubblicato dopo approvazione del CdR





Codice di sicurezza
Aggiorna

INFORMAZIONE PUBBLICITARIA

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Link alla Normativa