È il risultato di uno studio americano condotto su oltre 2.700 pazienti che ha esaminato mortalità e sanguinamento.

Il Coronavirus 2019 (COVID-19) ha colpito quasi tutti i Paesi del mondo. Alcuni dati rilevano un aumento degli eventi tromboembolici tra i pazienti ospedalizzati e aneddotiche osservazioni mostrano esiti favorevoli con anticoagulazione sistemica (AC). Tuttavia lo specifico il ruolo dell'AC nella gestione della malattia rimane poco chiaro. Alla fine di marzo, la Società Internazionale di Trombosi ed Emostasi (ISTH) ha raccomandato che tutti i pazienti ricoverati in COVID-19, anche quelli non in terapia intensiva, debbano ricevere eparina a basso peso molecolare a dose profilattica (LMWH), a meno che non abbiano controindicazioni1.

IN BREVE...
Nei mesi scorsi alcuni dati hanno rilevato un aumento degli eventi tromboembolici tra i pazienti ospedalizzati per COVID-19 e osservazioni hanno mostrato esiti favorevoli con anticoagulazione sistemica (AC). Tuttavia lo specifico il ruolo dell'AC nella gestione della malattia rimane poco chiaro.
Alla fine di marzo, la Società Internazionale di Trombosi ed Emostasi ha raccomandato che tutti i pazienti ricoverati in COVID-19, anche quelli non in terapia intensiva, ricevessero eparina a basso peso molecolare a dose profilattica a meno che non avessero controindicazioni.
Uno studio americano ha esaminato la mortalità e il sanguinamento in 2773 pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19 confermato tra il 14 marzo e l'11 aprile. I risultati suggeriscono che l'uso di anticoagulazione sistemica può migliorare la sopravvivenza nei pazienti ricoverati per il virus COVID-19.


Uno studio americano 2, con i dati dell’epicentro americano del COVID-19, suggerisce che l'uso di anticoagulazione sistemica può migliorare la sopravvivenza nei pazienti ricoverati per il virus COVID-19. Gli autori hanno riportato i dati il 6 maggio sul Journal of American College of Cardiology (JACC).

In questo studio, i ricercatori hanno esaminato la mortalità e il sanguinamento in 2.773 pazienti ricoverati al Monte Sinai Hospital per COVID-19 confermato tra il 14 marzo e l'11 aprile. Di questi, 786 (28%) hanno ricevuto anticoagulazione sistemica (eparina sottocutanea, LMWH) e anticoagulanti orali diretti (apixaban e dabigatran), per una mediana di 3 giorni (intervallo, 2-7 giorni).

I dati sono stati aggiustati per età, sesso, etnia, indice di massa corporea, storia di ipertensione, insufficienza cardiaca, fibrillazione atriale, diabete di tipo 2, uso di AC prima del ricovero e data di ammissione. Per aggiustar la durata e inizio del trattamento AC, la durata del trattamento AC è stata utilizzata come covariata mentre l'intubazione è stata trattata come variabile dipendente dal tempo.

Il sanguinamento maggiore è stato definito come un calo di emoglobina Nell'analisi multivariata, una maggiore durata della terapia anticoagulante è stata associata a un rischio aggiustato di morte intraospedaliera inferiore del 14% (hazard ratio, 0,86 al giorno; 95%IC 0,82 - 0,89; P <.001). Gli eventi emorragici erano simili nei pazienti trattati con e senza anticoagulanti (3% vs 1,9%; P = 0.2) ma erano più comuni tra i 375 pazienti intubati che tra i pazienti non intubati (7,5% vs 1,35%; valore P non indicato). La mortalità in ospedale per i pazienti trattati con AC era del 22,5% con una sopravvivenza mediana di 21 giorni, rispetto al 22,8% e una sopravvivenza mediana di 14 giorni in pazienti che non hanno ricevuto AC (Fig.A).
In pazienti che hanno richiesto ventilazione meccanica (N = 395), la mortalità in ospedale era del 29,1% con una sopravvivenza mediana di 21 giorni per i pazienti trattati con AC rispetto al 62,7% con una sopravvivenza mediana di 9 giorni nei pazienti che non hanno ricevuto AC. (Fig. B)




Bibliografia 

1. Thachil J, Tang N, Gando S et al. ISTH interim guidance on recognition and management of coagulopathy in COVID-19. J Thromb Haemost 2020,18:1023-1026. doi:10.1111/jth.14810 

2. Paranjpe I, Fuster V Lala A et al. Association of treatment dose anticoagulation with in-hospital survival among hospitalized patients with COVID-19. J Am Coll Cardiol. 2020 Jul, 76 (1) 122-124.

Vittorio Pengo

Clinica Cardiologica, Centro Trombosi, Dipartimento di Scienze Cardiologiche Toraciche e Vascolari, Università di Padova

Hai una domanda da porre all'autore dell'articolo?

clicca questo box (la tua domanda sarà letta e risposta privatamente dall'autore senza essere pubblicata sul sito)

Vuoi pubblicare un commento in questa pagina?

il tuo commento sarà pubblicato dopo approvazione del CdR





Codice di sicurezza
Aggiorna

INFORMAZIONE PUBBLICITARIA
INFORMAZIONE PUBBLICITARIA
INFORMAZIONE PUBBLICITARIA

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Link alla Normativa