La salute del nostro sistema cardiovascolare dipende anche dalle nostre abitudini quotidiane. Nonostante negli ultimi anni ci sia stato un vero e proprio boom di e-cig, è stato dimostrato che queste sono dannose per il cuore, così come dormire poco o male. Vediamo perché.

Se è stato dimostrato che, nel caso di forti fumatori, la sigaretta elettronica è meno dannosa delle bionde tradizionali, lo stesso non si può dire per la salute del nostro cuore.
Quest’anno, durante il meeting dell’American College of Cardiology (ACC), si sono discussi1 i risultati di uno studio condotto su quasi 100.000 pazienti che ha evidenziato come i fumatori di e-cig hanno un 56% di probabilità in più di infarto miocardico, un 44% di avere un ictus e un 30% di incorrere in malattia coronarica. Il rischio era ridotto per l’uso occasionale, ma restava comunque sempre elevato, almeno per l’infarto miocardico.
Tra limiti dello studio c’è che un terzo delle persone coinvolte fumava anche sigarette tradizionali e che i dati sono stati auto-riportati, quindi potrebbero essere poco accurati. Anche nel nostro Paese le sigarette elettroniche sono piuttosto diffuse: secondo i dati diffusi dall’Imperial Tobacco Italia sul primo semestre fiscale il mercato nostrano è cresciuto del +2,5% nonostante una vasta letteratura scientifica2-4 dimostri che “svapare” non aiuta nemmeno a smettere di fumare.

Tra le buone abitudini da perseguire per far star bene il nostro cuore c’è il sonno. Diversi studi hanno analizzato la correlazione tra riposo e salute cardiovascolare e recentemente un lavoro pubblicato su Nature5 svela qualche retroscena in più. Lo studio, condotto su alcuni topi predisposti all’aterosclerosi, ha dimostrato che i globuli bianchi svolgono un ruolo chiave. In particolare, in assenza o carenza di sonno, c’è una sovraproduzione che tende ad accumularsi nei nostri vasi sanguigni, aumentando il rischio di infarto.
Un cuore sano necessita perciò di almeno 6-8 ore di sonno di buona qualità. Avete preparato i cuscini?



Bibliografia
  1. Vindhyal MR, Ndunda P, Munguti C, Vindhyal S, Okut H. Impact on cardiovascular outcomes among e-cigarettes users: a review from national health interview survey. JACC 2019;73(9) Suppl 2.
  2. Kalhoran S, Stanton A. Glantz, E-cigarettes and smoking cessation in real-world and clinical settings: a systematic review and meta-analysis. Lancet Respir Med. 2016;4(2): 116–128.
  3. Rigotti N, Chang Y, Tindle HA, Kalkhoran SM, Levy DE, Regan S, Kelley JHK , Davis EM, Singer DE. Association of e-cigarette use with smoking cessation among smokers who plan to quit after a hospitalization: a prospective study. Ann Intern Med 2018;168(9):613-620.
  4. Weaver SR, Huang J, Pechacek TF, Heath JW, Ashley DL, Eriksen MP, Are electronic nicotine delivery systems helping cigarette smokers quit? Evidence from a prospective cohort study of U.S. adult smokers, 2015–2016. PLoS ONE 2018;13(7): e0198047.
  5. Cameron S. McAlpine, Màté G. Kiss, Sara Rattik et al., Sleep modulates haematopoiesis and protects against atherosclerosis. Nature 2019;566:383–387



Michela Perrone

Redazione anticoagulazione.it

Hai una domanda da porre all'autore dell'articolo?

clicca questo box (la tua domanda sarà letta e risposta privatamente dall'autore senza essere pubblicata sul sito)

Vuoi pubblicare un commento in questa pagina?

il tuo commento sarà pubblicato dopo approvazione del CdR





Codice di sicurezza
Aggiorna

INFORMAZIONE PUBBLICITARIA

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Link alla Normativa