Il D-dimero è un frammento della fibrina stabilizzata ad opera della plasmina e permane in circolo per un tempo limitato.

Pertanto, la sua comparsa nel plasma a livelli superiori al valore di cut-off è un segno molto sensibile (ma poco specifico) che si è depositata fibrina in circolo. Sulla base di queste proprietà, i livelli di D-dimero plasmatico sono usati da anni negli algoritmi per l’esclusione del TEV. Livelli di D-dimero inferiori al cut-off del metodo in uso, in presenza di una bassa probabilità clinica pre-test, consentono di escludere con altissima probabilità il TEV.
L’algoritmo è stato ampiamente validato per il TEV, includendo la trombosi venosa profonda degli arti inferiori e l’embolia polmonare. Esistono però pochi dati per poter concludere se la stessa strategia sia valida anche per il TEV delle estremità superiori (TEV-ES) e per la trombosi venosa superficiale (TEV-TVS).
Recentemente, Sartori et al1 hanno valutato il significato del D-dimero in queste condizioni. Gli autori hanno arruolato allo studio 239 pazienti con sospetto di trombosi per le due condizioni. La diagnosi di evento è stata valutata con metodi strumentali e il D-dmero è stato misurato con metodo quantitativo e un cut-off < 500 ng/mL. I pazienti furono successivamente seguiti per un periodo di tre mesi per accertare eventuali recidive trombotiche. La percentuale di pazienti con diagnosi strumentale di TVE-SE o di TVE-TVS all’arruolamento è risultata pari a 10% o 14.6 %, rispettivamente. Durante il follow up è stata registrata una sola recidiva per TEV-SE. I livelli di D-dimero erano significativamente più alti nei pazienti con eventi rispetto a quelli senza eventi. La sensibilità e specificità del D-dimero per TEV-SE è stata del 92% (95% CI 73-99%) e 60% (95% CI 52-67%), rispettivamente, con valore predittivo negativo pari al 98% (95% CI 93-100%). I corrispondenti valori per il TEV-TVS erano di 77% (95% CI 59-89%) per la sensibilità, 60% (95% CI 52-67%) per la specificità e 93% (95% CI 86-97%) per il valore predittivo negativo.
Gli autori concludono che la misura del D-dimero sia utile per la diagnostica del TEV-SE.

Bibliografia

  1. Sartori M, Migliaccio L, Favaretto E, Cini M, Legnani C, Palareti G, Cosmi B. D-dimer for the diagnosis of upper extremity deep and superficial venous thrombosis. Thromb Res 2015;135:673-8

Armando Tripodi

Professore Ordinario di Biochimica Clinica e Biologia Molecolare Clinica presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università degli Studi di Milano

Hai una domanda da porre all'autore dell'articolo?

clicca questo box (la tua domanda sarà letta e risposta privatamente dall'autore senza essere pubblicata sul sito)

Vuoi pubblicare un commento in questa pagina?

il tuo commento sarà pubblicato dopo approvazione del CdR





Codice di sicurezza
Aggiorna

INFORMAZIONE PUBBLICITARIA
INFORMAZIONE PUBBLICITARIA

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Link alla Normativa