Uno studio italiano ha esaminato due casi di emorragia gastrointestinale legata apparentemente alla malattia causata da SARS-CoV-2. In letteratura non si segnalano casi analoghi e sono necessarie ulteriori ricerche prima di affermare che esiste un rapporto di causalità tra i due eventi.

Uno studio italiano recentemente pubblicato sull’European Journal of Internal Medicine ha segnalato due casi di una grave complicanza emorragica nella COVID-19 in forma severa, apparentemente senza altre cause predisponenti.
La malattia causata dal virus SARS-CoV-2 è nuovissima e, oltre ai polmoni, coinvolge l’apparato cardiocircolatorio e interferisce con la coagulazione del sangue. Tuttavia, finora in letteratura, sebbene siano state riportate nei pazienti COVID-19 poche segnalazioni di sanguinamento gastrointestinale minore o oscuro/occulto, non è stato osservato alcun sanguinamento maggiore interno.

La gestione del paziente si concentra principalmente sulle cure di supporto: ossigenazione, gestione dei fluidi e trattamenti con più farmaci come terapie antivirali, clorochina o idrossiclorochina, antibiotici, steroidi, farmaci antinfiammatori non steroidei, broncodilatatori e farmaci immunosoppressori. Molti pazienti richiedono ventilazione invasiva, mentre altri sono trattati con supporto di ventilazione non invasiva (NIV) o C-PAP (pressione positiva positiva delle vie aeree). Negli studi disponibili, i pazienti COVID-19 hanno mostrato alterazioni del test di coagulazione, con un aumento significativo dei livelli di D-Dimero associato a gravità della malattia e esiti avversi. Inoltre, recentemente è stato evidenziato un alto rischio di tromboembolia venosa con elevata prevalenza di embolia polmonare acuta sintomatica e trombosi venosa profonda nei pazienti. Pertanto, attualmente l'eparina a basso peso molecolare (LMWH) è diventata parte della gestione clinica dei pazienti ospedalizzati COVID-19, anche se mancano ancora evidenze sulla giusta dose profilattica. In questo scenario, lo studio descrive due casi di sanguinamento interno addominale spontaneo in pazienti ospedalizzati con polmonite interstiziale bilaterale e tampone della gola SARS-CoV-2 positivi, supportati con ventilazione C-PAP, poiché la ventilazione invasiva non era raccomandata per entrambi.

Il primo, un uomo di 76 anni, aveva come comorbidità ipertensione arteriosa e cardiopatia ischemica cronica. È stato trattato quotidianamente con farmaci antivirali, azythromicine, steroidi e UI di LMWH 6000. Improvvisamente, dopo 7 giorni dal ricovero in ospedale, ha iniziato a lamentare un forte dolore addominale, la pressione del sangue e diminuita a 80/60 mmHg e l'esame del sangue ha mostrato Hb 8,6 g / dl (da 12 g / dl), fibrinogeno di 324 mg / dl; tempo di protrombina (PT) e conta piastrinica (PTL) normale. La TAC addominale ha mostrato una grande raccolta di sangue pelvico anteriore al muscolo ileo-psoas sinistro (dimensioni 9 × 13 cm). La lesione ha mostrato un aumento del punto tardivo di contrasto di 10 mm, sopra il ramo ischiopubico, come segno di sanguinamento arterioso attivo.

Il secondo caso si riferisce invece a una donna di 72 anni con ipertensione arteriosa e sindrome ansiosa. Durante un'ecografia è stata rilevata una trombosi femorale venosa; La LMWH alla dose terapeutica 100 UI / kg / BID è stata prontamente avviata.
Improvvisamente, dopo 10 giorni dall'ammissione, analogamente al primo caso descritto, la paziente si è lamentata di un forte dolore addominale, con segni clinici di shock emorragico. La TAC ha mostrato una grande raccolta di sangue pelvico (dimensioni: 16 × 10 cm) non dissociabile dal muscolo ileo-psoas destro, con due punti avanzati tardivi, entrambi di 5 mm, come segno di sanguinamento attivo. L'emoglobina era 8,1 g / dl (da 11 g / dl). PTL, PT e PTT erano normali. La concentrazione di eparina nel sangue non era disponibile.
I due pazienti sono stati entrambi trattati con radiologia interventistica.

La genesi del sanguinamento dell'arteria epigastrica inferiore appare poco chiara. Tuttavia, devono essere considerati molti fattori diversi. In primo luogo, la presenza della tosse, che è un sintomo comune del COVID-19, avrebbe potuto portare ad un rilevante aumento della pressione addominale e, quindi, alla rottura arteriosa con conseguente sanguinamento.

COVID-19 è una malattia nuovissima e, se da un lato sono state sottolineate le caratteristiche protrombotiche e sono state riportate in letteratura poche segnalazioni di sanguinamento gastrointestinale minore o oscuro/occulto, fino ad ora non è stato osservato alcun sanguinamento interno maggiore. Sono pertanto necessari ulteriori studi per studiare questi aspetti.

 


Bibliografia
Conti CB, Henci S, Coppeta GP, Testa S, Grassia R. Bleeding in COVID-19 severe pneumonia: The other side of abnormal coagulation pattern? Eur Jour Int Med 2020 Published:May 06, 2020DOI:https://doi.org/10.1016/j.ejim.2020.05.002

Redazione

Anticoagulazione.it

Hai una domanda da porre all'autore dell'articolo?

clicca questo box (la tua domanda sarà letta e risposta privatamente dall'autore senza essere pubblicata sul sito)

Commenti

+1 #1 Domenico Cito 2021-05-12 08:07
Nella nostra struttura di Chirurgia Vascolare ed Endovascolare di Taranto riportiamo un tangibile incremento delle emorragie retroperitoneali (una di queste associata ad ematoma intramurale aortico) in pazienti covid provenienti da ospedali periferici.
Citazione

Vuoi pubblicare un commento in questa pagina?

il tuo commento sarà pubblicato dopo approvazione del CdR





Codice di sicurezza
Aggiorna

INFORMAZIONE PUBBLICITARIA

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Link alla Normativa