Esistono in commercio farmaci anticoagulanti orali, il cui meccanismo di azione è diverso da quello delle eparine o AVK.

Si tratta di farmaci che hanno come bersaglio i fattori della coagulazione (trombina o fattore Xa), senza la mediazione dell’antitrombina (come è il caso delle eparine) o della carbossilazione (come è il caso degli AVK).
Al momento i NAO approvati per il trattamento/profilassi del TEV e per la prevenzione dell’ictus nella fibrillazione atriale sono: Dabigatran, Rivaroxaban, Apixaban e Edoxaban. Il dabigatran ha come target la trombina (o fattore IIa); tutti gli altri hanno come target il FXa. I NAO sono stati disegnati per essere usati a dose fissa, senza necessità di aggiustamento posologico sulla base del test di laboratorio. Gli studi hanno dimostrato una efficacia e sicurezza paragonabile (a volte anche superiore) a quella degli AVK, usati come comparatore, dimostrando così un vantaggio di maggiore maneggevolezza rispetto agli AVK. Il tempo e l’uso nella pratica clinica ci dirà se i NAO possono sempre essere prescritti a dose fissa, o se necessitano di un qualche aggiustamento posologico sulla base del test di laboratorio (2).

Armando Tripodi

Professore Ordinario di Biochimica Clinica e Biologia Molecolare Clinica presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università degli Studi di Milano

Hai delle domande da porre all'autore?

Vuoi pubblicare un tuo commento in questa pagina?

il tuo commento sarà pubblicato dopo approvazione del CdR





Codice di sicurezza
Aggiorna

TI PIACCIONO QUESTI ARTICOLI?
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Inserisci i tuoi dati per ricevere gratuitamente la newsletter di anticoagulazione.it

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Link alla Normativa