Ho una paura tremenda della fibrillazione atriale, e questa mi ha rovinato l'intera giovinezza causandomi delle ansie pazzesche. 

Mi sono sottoposto a un'infinità di visite specialistiche ed esami e il risultato è sempre stato assolutamente tranquillizzante: cuore sano!
Nonostante questo nell'arco di circa 24 anni ho avuto 4/5 episodi sempre nel momento di massimo stress emotivo e avevo il dubbio che l'amigdala, la parte del cervello che gestisce le emozioni e in particolar modo la paura, potesse influire in un qualche modo sula salute del mio cuore. Non riuscivo a venirne a capo.
Mi sono rivolto a "Anticoagulazione.it", nel giro di poco tempo mi ha risposto il cardiologo, Il Prof. Vittorio Pengo. Mi ha spiegato in modo chiaro che è vero che un cuore normale può andare incontro ad episodi di fibrillazione atriale (FA). Infatti, il cuore è innervato dal sistema nervoso autonomo (simpatico e parasimpatico) che regola la frequenza cardiaca. Un eccesso di parasimpatico dà bradicardia, il contrario è causato da un eccesso di simpatico. I due sistemi sono molto sensibili alle emozioni e allo stress e un loro squilibrio può determinare la FA.
Finalmente ho avuto la risposta che cercavo "Lei si deve convincere che di FA non si muore. Se si convince di questo e non ha più paura che torni probabilmente non avrà più episodi di FA".
Ora sono sereno e sicuramente saprò tenere a bada le mie ansie.

Pasquale Messina

Paziente

Hai delle domande da porre all'autore?

Vuoi pubblicare un tuo commento in questa pagina?

il tuo commento sarà pubblicato dopo approvazione del CdR





Codice di sicurezza
Aggiorna

TI PIACCIONO QUESTI ARTICOLI?
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Inserisci i tuoi dati per ricevere gratuitamente la newsletter di anticoagulazione.it

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Link alla Normativa