I NAO non necessitano di un aggiustamento posologico, sulla base del test di laboratorio, come invece succede per i farmaci antagonisti della vitamina K (Coumadin e Sintrom). Esistono però delle situazioni particolari:

  • Inizio della terapia
  • In occasione di eventi avversi (trombotici/emorragici)
  • Subito prima di un intervento chirurgico e manovra invasiva
  • Prima della terapia trombolitica nei pazienti con stroke ischemico
  • In occasione della neutralizzazione immediata dell’anticoagulazione (concentrati dei fattori della coagulazione, o antidoti specifici)
  • Nei pazienti con estremi di peso corporeo
  • Nel sospetto che un farmaco addizionale possa interferire con i NAO
  • Nel sospetto di over-dose
  • E altri ancora…

nelle quali il laboratorio può essere utile. Tuttavia, al momento non esistono raccomandazioni da parte delle autorità regolatorie e il singolo operatore è lasciato alle sue decisioni, il che crea difformità di comportamento e confusione. Nell’intento di coprire questo vuoto, le quattro società scientifiche che hanno attinenza con il settore dell’anticoagulazione:

  • Società Italiana per lo Studio dell’Emostasi e Trombosi (SISET)
  • Federazione dei Centri per la diagnosi della trombosi e la Sorveglianza delle terapie Antitrombotiche (FCSA)
  • Società Italiana di Biochimica Clinica (SIBIOC)
  • Società Italiana di Patologia clinica e Medicina di Laboratorio (SIPMEL)

hanno deciso di preparare un documento inter-societario che affrontasse l’argomento del laboratorio nella gestione dei NAO e desse ai clinici e agli operatori di laboratorio delle linee-guida condivise. Il documento, recentemente pubblicato (Tripodi A, et al. Blood Transf 2017 13:1-9), descrive e commenta:

  • Le caratteristiche principali dei NAO attualmente sul mercato
  • I test utili per la misura dei NAO, secondo il consenso internazionale e l’esperienza degli estensori del documento.
  • I limiti dei test tradizionali della coagulazione, tempo di protrombina (PT) e tempo di tromboplastina parziale attivato (APTT), nella valutazione del livello di anticoagulazione raggiunto a seguito della somministrazione dei NAO.
  • Le situazioni nelle quali il test di laboratorio può essere utile per valutare il paziente anticoagulato.
  • L’effetto che il tempo intercorso fra la somministrazione del farmaco e l’esecuzione del prelievo può avere sulla interpretazione del risultato.
  • Le indicazioni circa le modalità di refertazione e i valori “attesi” della concentrazione plasmatica dei NAO in corso di trattamento, secondo le schede tecniche dei diversi farmaci.
  • Le possibili interferenze fra i NAO e i test più comuni dell’emostasi (antitrombina, proteine C/S, fibrinogeno, dosaggio dei singoli fattori e i loro inibitori, anticoagulante lupico, ecc.), che possono essere causa di errate interpretazioni per il clinico poco esperto.

Gli autori e le Società Scientifiche coinvolte auspicano una larga diffusione e applicazione del documento, ritenendo che esso possa essere da stimolo per le autorità regolatorie a emanare al più presto raccomandazioni ufficiali sull’uso del laboratorio nei NAO. Nel contempo auspicano che il documento possa essere da stimolo per amministratori e operatori di laboratorio a rendere disponibili i test per una sempre migliore gestione del paziente anticoagulato con i NAO

Armando Tripodi

Professore Ordinario di Biochimica Clinica e Biologia Molecolare Clinica presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università degli Studi di Milano

Hai delle domande da porre all'autore?

Vuoi pubblicare un tuo commento in questa pagina?

il tuo commento sarà pubblicato dopo approvazione del CdR





Codice di sicurezza
Aggiorna

TI PIACCIONO QUESTI ARTICOLI?
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Inserisci i tuoi dati per ricevere gratuitamente la newsletter di anticoagulazione.it

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Link alla Normativa