Stampa

Oltre 640 pazienti che hanno sofferto di un primo episodio di EP sintomatica sono stati trattati con terapia anticoagulante standard e quindi inclusi nello studio.

Il possibile ruolo di residua ostruzione polmonare (ROP) presente nelle arterie polmonari di pazienti che hanno sofferto di embolia polmonare (EP), e come questa possa influire sull’evoluzione a distanza della malattia è stato esaminato da un importante studio collaborativo italiano1.

Dopo un periodo di 6 mesi, i pazienti hanno eseguito una scintigrafia polmonare perfusionale valutata secondo lo score di Meyer2 e la presenza di ROP è stata confermata quando lo score era positivo.
Le immagini della scintigrafia come pure gli eventi clinici durante il follow-up sono stati valutati centralmente da un comitato indipendente. Dopo l’esecuzione della scintigrafia, risultata positiva nel 50,1% dei casi, i pazienti sono stati seguiti per 3 anni. La presenza di ROP era più frequente nei pazienti più anziani e in quelli che avevano sofferto di un evento idiopatico (non-provocato).

Al termine dei 3 anni di follow-up gli eventi primari dello studio (recidiva di tromboembolia venosa o comparsa di ipertensione polmonare cronica) sono stati registrati nel 10,5% dei casi nei quali era presente ROP e nel 4,6% di quelli senza ROP, con un hazard ratio aggiustato per altri fattori di 2,26 (95% Intervallo di confidenza 1,23-4,16).

Gli autori concludono che la persistenza di ROP, identificata mediante scintigrafia polmonare perfusionale effettuata 6 mesi dopo un primo evento di embolia polmonare è un criterio predittivo per la comparsa di recidiva di tromboembolia venosa o di ipertensione polmonare tromboembolica cronica.

Bibliografia

  1. Pesavento R, Filippi L, Palla A, et al. Impact of residual pulmonary obstruction on the long-term outcome of patients with pulmonary embolism. Eur Respir J 2017; 49.
  2. Meyer G, Collignon MA, Guinet F, et al. Comparison of perfusion lung scanning and angiography in the estimation of vascular obstruction in acute pulmonary embolism. Eur J Nucl Med 1990; 17: 315-9.

Gualtiero Palareti

Presidente AIPA-Bologna (Associazione Italiana Pazienti Anticoagulati). Presidente Fondazione Arianna Anticoagulazione

Hai delle domande da porre all'autore?

Vuoi pubblicare un tuo commento in questa pagina?

il tuo commento sarà pubblicato dopo approvazione del CdR

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Link alla Normativa